Quali sono le voci che compongono la tua bolletta?

La bolletta 2.0 raccoglie tutte le informazioni chiave di spesa e di fornitura ben evidenziati (anche solo in una pagina, scritta fronte retro), è più semplice da leggere, moderna, snella e dunque anche facile da conservare. Va in pensione quindi la bolletta enciclopedia, lunga anche 8 o 9 pagine che ti diceva tutto senza farti capire niente.

La spesa completa viene divisa in quattro voci: luce o gas che abbiamo consumato, le imposte che vanno allo Stato, le spese di gestione del contatore, gli oneri di sistema.

I consumi possono essere fatturati secondo due modalità:

  • consumi rilevati: sono dati dalla differenza tra quanto indicato dal tuo contatore al momento dell’ultima lettura (o autolettura) e i consumi al momento della precedente lettura (o autolettura).
  • consumi stimati: sono i consumi calcolati in base ai dati storici utilizzati per il calcolo della bolletta in assenza di autoletture o letture rilevate.

Nella bolletta deve sempre essere esplicitato se è stata calcolata nell’uno o nell’altro modo. Le bollette fatturate secondo i consumi stimati dovranno poi essere conguagliate per fornire al Cliente la garanzia di pagare effettivamente quanto consumato.

Il subentro è l’attivazione della fornitura da parte di un nuovo cliente in seguito alla cessazione del contratto e quindi alla disattivazione del contatore da parte del cliente precedente.

La richiesta va presentata al venditore che entro 2 giorni lavorativi la trasmette al distributore. Quest’ultimo dovrà, entro 10 giorni lavorativi dal giorno in giorno in cui ha ricevuto la richiesta, attivare la fornitura.

La prestazione di attivazione ha un costo che varia dai 30 ai 45 €.

È il passaggio del contratto di fornitura da un cliente ad un altro.

La richiesta deve essere presentata al venditore che si occuperà di informare il distributore territoriale.

Il venditore potrà richiedere al cliente il pagamento dei costi amministrativi per la pratica come indicato nei singoli contratti e secondo quanto previsto dai diversi distributori.

La voltura non comporta l’interruzione dell’erogazione di energia elettrica e di gas.

Energia elettrica

Gli elementi essenziali della bolletta 2.0 di energia elettrica sono:

  • dati anagrafici del cliente e della fornitura
  • estremi della bolletta
  • dati su letture, consumi e ricalcoli
  • informazioni sui pagamenti
  • sintesi degli importi fatturati
  • costo medio unitario
  • elementi presenti periodicamente (come ad esempio il mix energetico, dettaglio dei consumi degli ultimi 12 mesi)

Il riepilogo delle voci di spesa è composto da:

  • spesa per la materia energia: importi relativi al costo dell’energia e alle attività di dispacciamento.
  • spesa per il trasporto e la gestione del contatore: attività che garantiscono l’erogazione dell’energia elettrica al cliente finale.
  • spesa per oneri di sistema: costi relativi ad attività di interesse generale.
  • imposte: tributi versati allo Stato.

In casi particolari sono presenti anche altre voci di spesa come: ricalcoli (qualora sia stato necessario procedere al ricalcolo di consumi o prezzi di precedenti bollette), altre partite (sono presenti tutte le voci di spesa non incluse in tutte le precedenti voci), bonus sociale, canone di abbonamento della televisione per uso privato.

La spesa per la materia energia comprende tutti gli importi relativi:

  • al costo dell’energia: sono tutti i costi relativi alle attività di approvvigionamento dell’energia elettrica. Rappresenta il listino prezzi che il venditore espone nelle proprie offerte commerciali.
  • al dispacciamento: sono tutte le attività che consentono in ogni momento l’equilibrio tra la domanda e l’offerta di energia e garantiscono che in rete ne venga immessa la corretta quantità 24 ore su 24. In Italia tale compito è svolta da Terna (www.terna.it);
  • ai costi di commercializzazione: sono tutti i costi che il venditore deve sostenere per servire il cliente, ad esempio per stipula del contratto, il servizio clienti, la fatturazione, la morosità, ecc.

La spesa per il trasporto e la gestione del contatore comprende tutti i costi che garantiscono l’erogazione dell’energia elettrica al Cliente finale e l’attività di misura e gestione del contatore.

L’importo si suddivide in:

  • quota fissa: costo per mantenere attivo un punto di consegna (indipendentemente dai consumi)
  • quota potenza: corrispettivo stabilito in base alla potenza (indipendentemente dai consumi)
  • quota energia: corrispettivo stabilito in base ai consumi

Gli importi sono stabiliti dall’Autorità per l’energia elettrica il gas naturale e il sistema idrico in modo uniforme su tutto il territorio nazionale e tutti i fornitori di energia elettrica devono pertanto fatturare i corrispettivi stabiliti dall’Autorità.

La spesa per oneri di sistema comprende tutti i costi relativi ad attività di interesse generale:

  • smantellamento delle centrali nucleari
  • incentivi per la produzione da fonti rinnovabili
  • attività di ricerca
  • agevolazioni tariffarie per il sistema ferroviario
  • finanziamento dei bonus sociali riconosciuti ai clienti domestici
  • copertura dei costi maggiori sostenuti dalle aziende elettriche delle isole minori e imprese di distribuzione con meno di 5.000 clienti
  • promozione dell’efficienza energetica

Gli importi sono stabiliti dall’Autorità per l’energia elettrica il gas naturale e il sistema idrico in modo uniforme su tutto il territorio nazionale e tutti i fornitori di energia elettrica devono pertanto fatturare i corrispettivi stabiliti dall’Autorità

Produrre energia elettrica non costa in egual modo in tutte le ore e in tutti i giorni della settimana. Per mantenere in equilibrio il mercato, sono state ideate le fasce orarie che identificano l’applicazione di un diverso prezzo per specifici intervalli di ore e giorni della settimana calcolati in base al costo di produzione dell’energia elettrica (al quale sarà aggiunto il margine di ricarico di ogni singolo Venditore).

Nel dettaglio le fasce orarie sono le seguenti:

  • F1: 8 – 19.00 dei giorni lunedì – venerdì
  • F2: 7-8 e 19-23 dei giorni lunedì-venerdì / 7-23 del sabato
  • F3: 00-7 e 23-24 dei giorni lunedì-sabato / tutte le ore per domenica e festivi

POD sta per Point Of Delivery, ed è il codice identificativo del tuo contatore di energia elettrica stabilito univocamente sul territorio nazionale e a cui far riferimento in tutte le pratiche con il tuo fornitore.

É un codice 14 caratteri alfanumerici del tipo ITxxxEnnnnnnnn, dove xxx identifica il distributore locale e nnnnnnnn è un numero associato esclusivamente al tuo contatore.

La potenza impegnata è il livello di potenza fatturato dal Fornitore in base al contratto sottoscritto. E’ definita in base alle abitudini di consumo e alle esigenze di ogni singolo Cliente.

La potenza disponibile è la massima potenza prelevabile prima dello “scatto del contatore” e la conseguente temporanea interruzione dell’erogazione dell’energia elettrica.

Gas naturale

Il riepilogo delle voci di spesa è composto da:

  • spesa per la materia gas naturale: importi relativi all’approvvigionamento della materia prima, alla gestione dei clienti e agli oneri di gradualità (relativi alla copertura di alcuni costi sostenuti dal fornitore)
  • spesa per il trasporto e la gestione del contatore: attività che garantiscono l’erogazione del gas naturale al cliente finale
  • spesa per oneri di sistema: costi relativi ad attività di interesse generale
  • imposte: tributi versati allo Stato

In casi particolari sono presenti anche altre voci di spesa come: ricalcoli (qualora sia stato necessario procedere al ricalcolo di consumi o prezzi di precedenti bollette), altre partite (sono presenti tutte le voci di spesa non incluse in tutte le precedenti voci) e bonus sociale.

La spesa per la materia gas comprende principalmente tutti gli importi relativi:

  • al costo del gas: sono tutti i costi relativi alle attività di approvvigionamento del gas naturale. Rappresenta il listino prezzi che il venditore espone nelle proprie offerte commerciali (adeguato al PCS )
  • ai costi gestione dei clienti
  • agli oneri di gradualità: relativi alla copertura di alcuni costi sostenuti dal fornitore

La spesa per il trasporto e la gestione del contatore comprende tutti i costi che garantiscono l’erogazione, il trasporto, la distruzione e la misura del gas naturale.

Gli importi sono stabiliti dall’Autorità per l’energia elettrica il gas naturale e il sistema idrico in modo uniforme su tutto il territorio nazionale e tutti i fornitori di energia elettrica devono pertanto fatturare i corrispettivi stabiliti dall’Autorità.

La spesa per oneri di sistema comprende tutti i costi relativi ad attività di interesse generale:

  • finanziamento dei bonus sociali riconosciuti ai clienti domestici
  • realizzazione di progetti di risparmio energetico e lo sviluppo di fonti rinnovabili
  • finanziamento della realizzazione delle reti di teleriscaldamento
  • meccanismi di recupero degli oneri di morosità del servizio di ultima istanza

Gli importi sono stabiliti dall’Autorità per l’energia elettrica il gas naturale e il sistema idrico in modo uniforme su tutto il territorio nazionale e tutti i fornitori di energia elettrica devono pertanto fatturare i corrispettivi stabiliti dall’Autorità.

PDR sta per Punto di Riconsegna ed è il codice univoco che identifica ciascun contatore gas sul territorio nazionale. Non è da confondersi con la matricola del contatore.

Il codice REMI identifica il punto di allacciamento tra la rete di trasporto nazionale/regionale e la rete di distribuzione locale. Può essere visto come il punto di smistamento da cui il gas viene suddiviso dai grandi gasdotti nazionali per arrivare fino alle singole utenze.